Use Basket Computer Gross Empoli – Winterass Pavia 75-70 (16-19, 16-19, 19-15, 24-17)

Use Basket: Raffaelli 17 (3/6, 1/3), Perin 10 (2/4, 2/5), Stefanini 4 (1/1, 0/2), Giarelli 8 (2/6), Botteghi 4 (2/5, 0/4); Corbinelli 2 (1/1, 0/2), Giannini 13 (5/7, 1/2), Sesoldi 13 (0/1, 3/4), Antonini 4 (2/2, 0/2). Ne: Falaschi, Landi, Calugi. All. Giovanni Bassi

Winterass: Di Bella 16 (5/10, 1/4), Mascherpa 13 (3/7, 1/3), Benedusi 2 (1/6, 0/1), Spatti 9 (3/6, 1/2), Crespi 12 (3/6) Manuelli 7 (2/5, 1/2), Torgano 5 (1/1, 1/5), Delvecchio 4 (2/2), Fazioli 2 (1/3, 0/1). Ne: Visigalli. All. Massimiliano Baldiraghi

Arbitri: Santilli di Recanati e Bertuccioli di Pesaro

Primo tempo: 32-38. Tiri liberi: Use Basket 18/24, Winterass 13/16. Rimbalzi: Use Basket 34 (off. 5, Giarelli 6), Winterass 43 (off. 13, Benedusi 8). Cinque falli: Stefanini, Giarelli. Fallo tecnico: panchina Winterass. Falli antisportivi: Giannini, Mascherpa

Non bastano tre quarti di ottima fattura per consentire alla Winterass il sacco di Empoli che avrebbe riacceso le speranze pavesi di playoff. La banda Baldiraghi ha affrontato con determinazione e grande applicazione un match molto complicato. Per lunghi tratti ha gestito una leggera “supremazia territoriale”, aggrappata ad una difesa solida che ha inaridito la vena offensiva dei punteros  empolesi. Un paio di vantaggi interessanti (41-51 al 25′, 55-62 in avvio di quarto periodo) sono stati recuperati dalla trance agonistica dei padroni di casa che, come praticamente sempre succede sui campi toscani, nella rumba finale sono andati a nozze. Limitati a 32 punti nei primi 20′, col solo Raffaelli ai suoi livelli abituali, i toscani hanno progressivamente ritrovato giocate di energia e qualità nei momenti caldi, tornando a viaggiare sugli abituali standard offensivi (43 punti dopo l’intervallo) quando la palla pesava di più, con gli artefici di questa super stagione improvvisamente risorti (Giannini e Sesoldi su tutti, menzione anche per il solido finale di Perin). Nessuna sorpresa allo start: Spatti va su Giarelli, Di Bella sblocca in penetrazione e l’Omnia si chiude egregiamente dietro (0-6 con due liberi e rimbalzo offensivo convertito da Crespi). Empoli si sblocca con tripla di Raffaelli, ma il sesto di Ricky dice 3-8 (4′). Due perse in fila per Di Bella consentono a Raffaelli di timbrare in lunetta il 7-8 del minuto 5′. Benedusi dalla rimessa manda Spatti all’affondata e Mascherpa mette in ritmo Di Bella che graffia in arco il 7-13. Capitan Sesoldi rileva Giarelli che ancora non incide, un altra persa e una stoppata subita da Manelli propiziano il rientro dei padroni di casa (14-15 al minuto 8′) che hanno qualità solo da Raffaelli. Mascherpa e Giarelli trovano i primi punti a cronometro fermo e prosegue l’elastico strettissimo con Baldiraghi che cambia 4/5 dello starting. Un tap in di Delvecchio (15-19) e una buona difesa di squadra consentono ad un’Omnia molto quadrata di chiudere avanti di un possesso alla prima sosta. Corbinelli dice 21-22 dopo le triple di Giannini e Manuelli, Pavia va con coppia inedita di lunghi, abbinando a Torgano (rimbalzo offensivo per il 21-24) Delvecchio che si appiccica a Giarelli. Mascherpa allunga 21-29 con un canestro dalla media e uno (pazzesco) da… casa sua. L’assetto leggero limita i lunghi di casa, Delvecchio incappa nel terzo fallo (14′) ma è il prezzo da pagare ad un atteggiamento di grande intensità difensiva. Spatti in angolo dice 23-31, Perin infila dal perimetro, Baldiraghi ripropone l’esperienza di Benedusi e Di Bella dopo un paio di forzature che non ha gradito (26-31, minuto 16′). Fazioli, dopo diversi minuti di buona difesa su Raffaelli, trova una gran giocata in post basso (26-33) ma incappa nel terzo fallo. Stefanini ricuce 30-33, per la Winterass torna Mascherpa ma è la classica rubata con annesso contropiede di Benedusi a costringere l’Use al time out (30-36 al 18′). Raffaelli penetra al ferro (32-36), poi, dopo l’ennesimo fischio mancato, a Baldiraghi salta la mosca al naso e arriva il tecnico. Pavia lo assorbe senza danni eccessivi visto che un’altra buona difesa di squadra provoca un brutto tiro per i padroni di casa e capitan Dibo punisce con la zingarata del meritato 32-38 all’intervallo. Dieci di margine per l’Omnia con un viaggio al ferro di Mascherpa e due liberi di Crespi (32-42), ancora Crespi con un comodo appoggio dopo il recupero difensivo su Giarelli. Il bomber di casa, dopo un recupero difensivo inchioda il 38-44 (23′) e costringe Baldiraghi al minuto. Spatti riallunga in arco (38-47) ma Crespi incassa tripla da Perin e commette fallo. Il lungo ex-Piombino si riscatta con un 2/2 in lunetta per il nuovo +8 esterno (41-49), che non sia serata per Giarelli si vede dalla schiacciata sbagliata in controfuga seguita dal quarto fallo. Mascherpa si butta nella tonnara a mettere il suo undicesimo punto e far esplodere i tifosi al seguito (41-51 minuto 25′). Botteghi non ripete l’exploit del match di andata (0/4 da tre) e Baldiraghi continua ad ottenere ottima sostanza dal suo platoon system difensivo. Basta un episodio (tripla di tabella di Sesoldi) per girare l’inerzia e riportare sotto Use (48-51). Delvecchio chiude il 7-0 interno convertendo un rimbalzo offensivo ma Stefanini in lunetta dice 51-53. Ultimo giro di orologio che passa a salve, tra una serie di omissioni arbitrali e si va a giocarsi tutto dopo il 51-53 del 30′ con una una Winteras che deve ritrovare confidenza in attacco (2 segnati negli ultimi 5′). Antonini impatta a quota 53, ma Manuelli e Torgano (prima banderilla per lui) dicono 53-58. Mascherpa monetizza l’antisportivo a Giannini (55-60) e un rimbalzo offensivo convertito da Di Bella scrive il 2-9 che rimette l’Omnia in gas (55-62). Ancora Antonini dice 57-62, Baldiraghi dà riposo al capitano e torna Benedusi. La tripla di Sesoldi fa molto male (60-62 al 34′), Manuelli trova un gran canestro sullo scadere dei 24” ma Giarelli va in contropiede dopo una persa sanguinosa (62-64, 36′) e trova il rimbalzo offensivo che concede extra-possesso e tripla-sorpasso a Sesoldi (65-64, minuto 37′). La difesa di casa recupera sulla penetrazione di Mascherpa e Giarelli allunga 67-65 dalla linea della carità. Di Bella non si arrende e scrive il 67-66. Perin recupera sul capitano pavese e va a schiacciare il 69-66. Di Bella e Raffaelli recitano il botta e risposta, non va la percussione del capitano (-40”) e l’antisportivo fischiato a Mascherpa è la sentenza anticipata. Quattro liberi in fila di Raffaelli scolpiscono il 75-68 sul tabellone (26”alla sirena) e indirizzano in maniera quasi definitiva il destino playoff delle due squadre. Empoli, con quattro di margine e vantaggio negli scontri diretti ha un piede e tre quarti nella post season, l’Omnia può solo aggrapparsi, disperatamente, all’aritmetica. Ai pavesi, che escono con l’amaro in bocca dopo aver dato veramente tutto, servirebbe un filotto nelle prossime tre (con avversari che si chiamano Firenze e Omegna oltre che Montecatini…), l’Use potrebbe già chiudere il discorso domenica prossima contro la derelitta Siena, per evitare pericoli nel difficile doppio impegno finale (Firenze e Piombino). Al netto dell’eventuale mancato approdo alla post season, la Winterass si è, comunque, dimostrata viva e coesa e siamo pronti a scommettere che la truppa pavese onorerà fino in fondo la stagione, cercando di andare a prendersi il prestigioso scalpo di Firenze già domenica prossima.