Stagione davvero travagliata per la neopromossa Rosmini Domodossola. Tra avvicendamenti in panchina e continuo turnover in rosa, gli ossolani non sono mai riusciti a schiodarsi dall’ultimo posto del ranking, occupato dalla prima giornata in avanti. Partita alla ricerca della salvezza, la matricola piemontese ha incontrato enormi problemi di adattamento alla cadetteria e i vari tentativi di correzione in corsa non hanno mai prodotto l’effetto sperato. Decollata con la novità Alessandro Valli in panca, Domodossola ha cambiato pilota dopo 9 sconfitte in fila, affidandosi a Massimiliano Milli che ha centrato la prima e unica vittoria stagionale, senza, però, riuscire a invertire il trend negativo (1 vinta e 12 perse il bilancio del coach attualmente in carica).  Pat Baldiraghi  ha come unico obiettivo i due punti: “Dobbiamo vincere a tutti i costi – attacca il coach pavese – ci siamo resi conto di aver buttato una grande occasione a Cecina. La squadra ha reagito, ci siamo allenati bene, i due punti saranno fondamentali per continuare a mantener vivo il sogno di poterci giocare i playoff ma anche per allargare il margine rispetto alla zona playout“. Il campo racconta di un Giulio Mascherpa che ieri ha ripreso a correre con buona fluidità ma che verrà portato in panca per onor di firma. “Giulio verrà in panchina perchè non si sa mai  cosa potrà accadere – chiosa Baldiraghi – ma abbiamo programmato di riaggregarlo agli allenamenti solo a partire da martedi prossimo“. Domodossola scenderà a Pavia con roster notevolmente variato rispetto al match di andata. L’ultimo movimento è arrivato giusto la scorsa settimana, con l’ingaggio del centro under Armando Buldo, classe ’99 uscito dal vivaio di Borgomanero, per tamponare l’uscita di Manuel Di Meco accasatosi a Crema. Tra infortuni e scelte tecniche, tutta l’annata è stata parecchio movimentata. In avvio di stagione gli infortuni a D’Andrea e Di Meco, l’ingaggio della meteora albanese Patani e l’esclusione dalla rosa del capitano Serroni. Proprio appena dopo l’incrocio con la Winterass, altro movimento in uscita che ha portato al divorzio del play Tempestini e all’ingaggio dell’interessante guardia under Marzullo. Trasferito anche l’esperto Tommei a Desio, ingaggiato il play Manzo. Riportato a casa Fornara da Nerviano, la dirigenza ha chiuso il mercato sostituendo Di Meco con Buldo. Ad oggi la Vinavil ha volto molto giovane e il suo principale riferimento è l’under Riccardo Ballabio capace di viaggiare a 14 di media. Tra i punti fermi dello starting five ricordiamo l’ala ex-Viterbo Rovere, il mezzo lungo ex-Mortara Patrick Avanzini e il rumeno Alin Zaharie che oggi non potrà essere al salto a due, causa triplice giornata di squalifica rimediata nel match interno con Piombino. L’irascibile centro è stato involontario protagonista della partita coi toscani: un suo calcio alla borsa medica ha provocato la rottura dei flaconi contenenti olio per messaggi con conseguente spargimento della sostanza oleosa sul parquet che è diventato impraticabile. Partita sospesa e recente pronunciamento della giustizia sportiva che ha sancito lo 0-20 a tavolino a favore dei toscani.