Dopo il ritorno a stagione in corso, quest’anno l’avventura di Giulio Mascherpa in canotta Omnia Pavia partirà dai blocchi di partenza canonici. Forte di un accordo biennale, Giulio suderà la maglia fin dall’afoso raduno agostano. Una maglia che, per chi è pavese purosangue come il play-guardia del 1992, ha un valore davvero speciale. Formatosi cestisticamente nelle storiche realtà cittadine legate agli oratori (Sanmaurense e Basket Bridge con cui debutta in serie D), Mascherpa vince nel 2010 lo scudettino under 19 in maglia Nuova Pallacanestro Pavia e fa capolino in qualche allenamento della prima squadra, rimanendo tecnicamente folgorato da Joseph Forte.

Dopo sole otto partite in maglia Edimes (serie C, stagione 2011), qualche incomprensione con l’ambiente indirizza la scelta di andare a cercar fortuna lontano dalla sua città. Stagione chiusa a Bergamo, poi la Dnb a Francavilla. Prima spruzzata di A2 a Forli, poi la consacrazione tecnica in serie B a Lecco, alle dipendenze di Massimo Meneguzzo. Mattatore (a quindici di media la prima stagione che salgono a oltre diciotto nella seconda) per il biennio 2014-2016 e pronto per giocarsi con nuova consapevolezza la chance in Serie A2. Una stagione a Tortona (4 punti in 14’ di utilizzo), poi il ritorno a Bergamo (7.4 punti in 18’) che dura 21 partite.Poi il richiamo di un’Omnia falcidiata dagli infortuni e, a febbraio, Giulio torna a prendersi rivincite davanti agli affetti di sempre.

L’impatto in cadetteria è, prevedibilmente, sontuoso: Mascherpa ne scrive 19.7 di media in 7 partite, scollinando il ventello in quattro occasioni . Punti che non bastano per agganciare il treno-playoff ma, per la tifoseria pavese, sono il miglior spot possibile per la stagione che partirà tra un mese.

“Avere Giulio dall’inizio – spiega coach Baldiraghi – sarà per noi un plusvalore. Ha dimostrato in tutti i campionati di serie B di essere un giocatore importante. Insieme a Di Bella formerà una coppia di esterni di alto livello”. “Con Pavia, Giulio ha preso un impegno importante e ambizioso: “La scorsa stagione ho scommesso sul mio ritorno – spiega Mascherpa – rinunciando ad offerte in A2. Mi fido dell’allenatore, della società, di capitan Di Bella. Mi piace l’ambiente, quest’estate mi sono allenato forte col preparatore Firullo e col nostro vice-allenatore Baudino. Il mio obiettivo, il mio desiderio più grande è quello di riportare Pavia in serie A. È un sogno che ho la fortuna di poter provare a concretizzare nella mia città, non c’è niente di più bello.”

 


Comunicazione Omnia Basket Pavia