Fidelia Torrenova – Riso Scotti Punto Edile Pavia 81-75 (14-27, 26-21, 19-14, 22-13)

Fidelia: Guerra 11 (3/6, 0/2), Perin 14 (2/6, 3/6), Di Viccaro 11 (0/1, 3/7), Klanskis 2, Gloria 21 (10/14); Bolletta 14 (1/4, 2/3), Lasagni 8 (2/3, 0/3), Mazzullo, Ferrarotto Galipò. Ne: Saccone, Galipò. All. Bartocci

Riso Scotti Punto Edile: Piazza 6 (3/5, 0/4), Donadoni 11 (4/7, 1/3), Torgano 8 (0/3, 2/6), Nasello 14 (6/10), Rossi 8 (3/3, 0/1); Saladini 13 (2/2, 1/4), Apuzzo 5 (1/4 da 3p), Dessì 10 (4/4, 0/1), Ciocca. Ne: D’Alessandro. All. Di Bella

Arbitri: Suriano e Naftali di Torino

Primo Tempo: 40-48. Tiri liberi: Fidelia Torrenova 21/30, Riso Scotti Punto Edile 16/26. Rimbalzi: Fidelia 34 (off. 7, Gloria 13), Riso Scotti Punto Edile 30 (off. 7, Donadoni e Rossi 7). Cinque falli: Torgano, Donadoni. Fallo antisportivo: Perin. 

Il tour pavese in Trinacria si chiude con un’inciampo all’ultima tappa. Con un finale agonisticamente vibrante e la decisiva incidenza dell’ex di turno Gloria che domina il pitturato, la Fidelia strappa una vittoria che vale una grossa iniezione di fiducia in vista dei playout a cui comunque i siciliani erano già condannati. Alla Riso Scotti Punto Edile non riesce il poker di successi sull’isola e ora, per definire il ranking di partenza nella griglia playoff, servirà attendere gli esiti dei recuperi che, tra oggi e mercoledì, coinvolgeranno Crema e Cremona. Nel recupero dell’ultimo atto di regular season, coach Dibo recupera Piazza ma non ancora D’Alessandro, oltre al neo acquisto Pavone che debutterà solo nella post season. Pavia parte con un eccellente primo quarto, di ottime spaziature e cifre offensive sontuose ma sul cronometro resta una vita da giocare. Torrenova si mette in partita nel secondo periodo, alzando di molto l’intensità dietro e trovando zampate di classe da Di Viccaro e Lasagni. I lupi respingono il primo serrate, ritrovando la decina di margine in apertura di terzo periodo, ma hanno problemi di falli e, globalmente, meno energia rispetto ai padroni che arrivano con grande carica a giocarsi in elastico strettissimo il periodo decisivo. Di Bella gioca con coraggio un quintetto a tre under ma perde per falli prima Torgano, poi Donadoni, finendo per non avere grandi carte da pescare nel mazzo. Le percussioni di Guerra e i ripetuti inneschi interni a Gloria sono le chiavi con cui in casa Fidelia si mettono le mani sul match, qualche episodio gira male al branco (0/2 di Nasello in lunetta, una tripla di Piazza letteralmente sputata dal ferro) e arriva la sconfitta esterna che mancava dal 31 gennaio (a Cremona). 

La cronaca dice che l’incipit dei lupi è da urlo: timing e spaziature perfette, tanti extrapass e grandi percentuali di realizzazione per il 2-8 iniziale. Nasello primattore (10 punti) nel 12-18 del minuto 7′. L’ingresso di Saladini e Dessì porta un’ulteriore scossa elettrica e la Riso Scotti Punto Edile schizza via 12-24 al 9′, chiudendo il primo periodo con un clamoroso 68% complessivo dal campo. Torrenova ha orgoglio e non ci sta a far tappezzeria: 7-0 interno con Bolletta primo violino e forbice subito ridotta (21-27). Una tripla di Torgano chiude il break, Pavia è generosa ma va troppo presto in bonus, consentendo ai padroni di casa moltissimo fatturato a cronometro fermo. Di Viccaro in arco riporta ad un soffio (36-38) ma ancora il trio Saladini-Dessì-Apuzzo fa la voce grossa e scrive di suo pugno la sgasata con cui arriva il 40-48 della sosta lunga. Piazza e un paio di buone giocate di Donadoni ridanno massimo margine ai lupi (42-54) ma, ancora una volta, siamo in scarsa sintonia col metro dei fischietti torinesi (5 falli nei primi 4’30” di gioco) e concediamo liberi in grande abbondanza a Torrenova che rintuzza con le triple di Perin e Di Viccaro. In arco, Pavia non segna più e, in difesa, qualche fallo troppo ingenuo, fa scattare l’allarme rosso. Torgano e Piazza, dopo la settimana di stop, sembrano in debito di energie e l’attacco picchia in testa (4 punti negli ultimi sei minuti) per il sofferto 59-62 del minuto 30′. I messinesi hanno il sangue agli occhi e inerzia in mano. Bolletta ne mette 5 in fila per il primo sorpasso interno (64-62). Apuzzo impatta in lunetta ma arriva il quarto anche per Rossi e Gloria banchetta (70-66, 34′) in area pitturata. Di Bella va col trio under e le balie Nasello e Donadoni. Dessì trova la parità in lunetta, una penetrazione di Saladini vale il vantaggio ospite (71-72 al 36′). Servirebbe l’istinto del killer che ha assistito Pavia in molti golpe importanti ma Torgano è già uscito per falli e i lupi scheggiano per quattro volte in fila il ferro dall’arco. Un libero di Saladini è il canto del cigno pavese (71-73) ma anche Donadoni saluta per falli e si mette malissimo. Nasello sballa due liberi, Piazza la tripla. Torrenova pesca un’incursione del neo-acquisto Guerra e recapita palla al suo big man. Gloria consuma la sua personale vendetta sportiva su Pavia imponendo la fisicità a Dessì (77-73 a 53” dalla fine). Quasi andata… Il ferro dice ancora di no a Piazza, Dessì ci prova con l’ultimo salvagente (77-75 a meno 26”) ma il sicario è ancora Gloria. Titoli di coda e Riso Scotti Punto Edile che chiude la regular season con il miglior record di sempre (14 vinte 8 perse, 63.6%) e si mette alla finestra, in attesa che l’incrocio dei recuperi tra i due gironi definisca piazzamento finale e accoppiamento playoff. 

Paolo Rappoccio