In attesa di partire per una settimana a Parigi con la sua Gaia, Mirko Gloria si gode il mare della Sicilia e spedisce i suoi primi messaggi da giocatore dell’Omnia Pavia.

Benvenuto Mirko. Una trattativa lampo, ma nei radar pavesi eri presente già dall’anno scorso. Le tue sensazioni?

“In effetti già la scorsa estate c’erano stati degli abboccamenti con Pavia che poi non si sono concretizzati. quest’anno è stato tutto molto rapido. Ho parlato col coach che mi ha convinto subito, esponendomi il suo progetto di squadra. La voglia di vincere che ho percepito da parte della società è quella che ho anche io, non ho esitato a firmare”.

Conosci già qualcuno dei tuoi nuovi compagni?

“Sono molto amico di Ale Spatti, con cui ho condiviso l’esperienza della nazionale Under 20 qualche anno fa. Conosco sul campo Benedusi. Anche da avversario si percepisce che sia una persona top. Ricordo Fazioli con quella tripla allo scadere che ci ha fatto malissimo, ho giocato contro Nasello e penso che ci possiamo completare al meglio. Il resto della squadra la conosco solo di fama. Sarà fondamentale trovare subito coesione e dirsi sempre le cose in faccia per creare un gruppo forte”.

Sei un centro piuttosto classico, dove ritieni di poter ulteriormente crescere?

“Amo giocare in post basso, anche se ogni tanto mi prendo qualche soluzione dalla media. Ovviamente dovrei lavorare per ampliare il mio raggio di tiro ma ci tengo a sottolineare che la prima cosa su cui mi concentrerò sarà il lavoro per i compagni. Voglio essere utile alla squadra. Con un rimbalzo, un blocco, con un passaggio ad un compagno aperto da tre punti. Mi interessa solo vincere e farò quello che mi si chiederà per raggiungere questo obiettivo”.

Le tue caratteristiche sono complementari a quelle degli altri lunghi, un’opzione interessante per Baldiraghi?

“Vero. Basterà conoscersi e trovare un po’ di intesa per fare ottime cose insieme e per rendere difficile agli avversari scoutizzarci. Io sono più giocatore interno, Nasello parte fronte a canestro, Ale ha un ottimo tiro da tre punti. Un bel mix, che può darci grossa intensità difensiva in allenamento e in partita. Una caratteristica che mi colpisce della squadra è il fatto che, nonostante un’età media piuttosto bassa, ci sia la sufficiente esperienza. Anche i più giovani hanno tutti alle spalle già diverse stagioni in serie B”.

Anche il tuo acquisto ha avuto un forte riscontro tra i tifosi. Te lo aspettavi?

“Francamente, tutto questo entusiasmo mi ha stupito. Dopo la firma mi hanno scritto in tanti su Facebook e ad un giocatore fa molto piacere ricevere questo tipo di accoglienza. Conosco la passione che c’è a Pavia, questo sarà un ulteriore elemento che ci spronerà a far bene. Ovviamente, al di là dell’entusiasmo che si percepisce sui social network, sarà bello che ogni domenica i tifosi vengano a tifarci al palazzo”. 

UFFICIO COMUNICAZIONE OMNIA BASKET PAVIA