Bello abbandonarsi ai sogni, farsi trasportare dalla fantasia e immaginare una rapida scalata che riporterebbe la Pavia dei canestri su palcoscenici che, per molti anni, le sono stati abituali. Ma il presente, inesorabile, tira per la giacca e parla di un nono posto ancora non sufficiente per timbrare l’accesso alla post season. Settimana particolare, quella in casa Omnia, dove al fermento della tifoseria per il contatto diretto con Ylenja Lucaselli, potenziale nuovo e ambizioso partner della società pavese, fa da contraltare la ferrea volontà del front office e dello staff tecnico di rimanere coi piedi saldamente ancorati al terreno di una stagione ancora lunga con un obiettivo da raggiungere. Mentre i commercialisti occuperanno i prossimi mesi a definire le “cose formali”, l’attualità di campo parla di un approdo ai playoff da conquistare, attraverso dieci-partite-dieci senza respiro, in cui Di Bella e compagni dovranno fare gli straordinari per chiudere in bellezza. Una volata difficile, affannosa e dispendiosa, in cui la banda Baldiraghi è più che mai impegnata, dopo un incipit di campionato con qualche inciampo di troppo. Il compito di richiamare tutti a pensare solo al campo, coi toni pacati che gli sono abituali, se lo prende Antonio Lazzaretti. Che parte dalla partita odierna con Alba “Impegno molto difficile – esordisce il presidente del sodalizio pavese – contro una squadra che sta disputando un campionato eccezionale e che all’andata ci diede una grande delusione, aprendo una settimana con molte polemiche. Confido nel sostegno dei nostri tifosi che ci stanno spingendo molto in questo periodo e che già da ora ringrazio per l’impegno di venire a seguirci questo pomeriggio, organizzando un pullman“. Sull’entusiasmo per il corollario alla partita di Siena, Lazzaretti fa una doverosa precisazione “Sicuramente è stata una bellissima sorpresa che la signora Lucaselli  sia tornata ancora una volta al PalaRavizza. Bello vederla interagire con i nostri tifosi e percepire l’entusiasmo con cui il pubblico l’ha accolta. Credo che tutti gli appassionati pavesi debbano ringraziare il nostro amministratore unico Gianni Perruchon che ha reso possibile un certo tipo di progetti, legittimando i sogni di avere una squadra importante nel prossimo futuro. Senza una gestione societaria sana, l’interesse della signora Lucaselli sarebbe, probabilmente, stato orientato su altre piazze che, come la nostra, hanno tradizione e passione per il basket.  Mostrato pubblicamente che i rumors hanno fondamento serio, ora deve parlare solo il campo. Il nostro ufficio comunicazione è stato incaricato di spegnere i riflettori sull’argomento e di comunicare solo quando potranno essere diffuse notizie ufficiali: la nostra priorità assoluta resta l’attuale campionato, che vogliamo onorare fino in fondo. Il nostro obiettivo stagionale, i playoff, sono un traguardo difficile. La rincorsa ci è costata tanta sofferenza ma la squadra è reattiva e spero che, compattandoci tutti, cioè società, squadra e tifo del Palaravizza, si possa raggiungere insieme questo risultato“.