Riso Scotti Punto Edile Pavia – Missoltino.it Olginate 76-55 (21-14, 19-17, 14-13, 22-11)

Riso Scotti Punto Edile: Piazza 15 (2/6, 3/4), Torgano 13 (3/6, 2/3), D’Alessandro (0/1), Nasello 19 (7/10), Rossi 11 (5/12); Barbieri (0/1), Donadoni 14 (5/12, 0/1), Dessì 4 (1/1), Cremaschi (0/1), Ciocca, Botteri, Del Rosso. All. Di Bella

Missoltino.it: Bloise 7 (0/1, 1/3), Giannini 10 (1/4, 1/5), Negri 12 (3/5, 1/4), Avanzini 9 (3/6, 1/2), Lenti 2 (1/5); Brambilla 4 (1/5), Tremolada 3 (1/3, 0/1), Ambrosetti 6 (0/1, 2/3), Marazzi 2 (1/3). Ne: Chiappa, Tagliabue, Donegà. All. Oldoini

Arbitri: Bortolotto e De Rico

Primo tempo: 40-31. Tiri liberi: Riso Scotti Punto Edile 15/19, Missoltino.it 15/20. Rimbalzi: Riso Scotti Punto Edile 33 (off. 11, Rossi 7), Missoltino.it 35 (off. 14, Lenti 11). Cinque falli: D’Alessandro

IL MATCH IN PILLOLE

4’51” Tripla di Giannini: massimo (e ultimo) vantaggio esterno sul 6-10.

8’35” Riso Scotti Punto Edile alza la presenza difensiva: arrivano recuperi, transizione ed energia da Donadoni. Il pitturato diventa il giardino di casa Nasello, parziale di 14-0 e tabellone che recita 20-10.
14’46” Avanzini e Giannini tengono Olginate in scia (27-22) ma la tenuta difensiva su Bloise (con Dessì utilissimo stopper) e Negri resta eccellente e Lenti (due falli) sta in campo 5′.

16’13” Rossi non riesce a concretizzare la superiorità fisica in area, squadre presto in bonus con processione in lunetta, per un elastico che resta stretto (29-26)

19’30 Torgano imbuca la tripla in angolo (40-31) nobilitando la manovalanza difensiva pavese che costringe Olginate a 9 perse.

23’18” Rossi converte una carambola (48-31), ma lo strappo porta le firme di Donandoni e Nasello  che impongono il loro pick’n’roll.

29’28” Fiammata di Negri e Ambrosetti che sparano dall’arco i traccianti del “meno otto” (52-44).

31’47” Lenti realizza, Rossi punito con tecnico, Negri mette il libero del 57-50 con Oldoini da molti minuti arroccato in zona fronte pari e Omnia con forte principio di orticaria.

32’41” Piazza spara il trepunti del 60-50

34’41” Ancora il play friulano in arco. 67-52, la zona lecchese salta per aria, il match prende la strada pavese.

37’44” Piazza completa il suo quarto periodo di pazzesca trance agonistica: due cioccolatini che Rossi deve solo scartare, terza banderilla pesante: 74-52 e sipario.

LA CHIAVE – Difesa senza alcun ombra di dubbio. Rotazioni accorciate all’osso (Toure out, D’Alessandro che sta in campo per 8′ scarsi per costanti problemi di falli), servivano sangue agli occhi e intelligente applicazione di tutti gli altri. Di Bella e il suo staff hanno trovato tutto questo. Aggiungendoci qualche “visione” (Dessì ottimo terzino su Bloise) e le uscite forti dei lunghi, la banda bassotti ospite è stata schermata con grande efficacia e mortificata nelle percentuali. Contro la zona, prima che Piazza si travestisse da risolutore, importanti un paio di assalti al ferro di Donadoni.

IL PROTAGONISTA – Ancora una volta, fortunatamente, la nomination è plurima. Destino di una squadra senza un “go to guy” designato. Sicuri sul podio Donadoni, Piazza e Nasello. Premiamo il toscano per la costanza e le cifre (7/10, 5 rimbalzi, 24 di valutazione). Certe sue zingarate sul fondo, chiuse con palombelle “alla Zatti”, sono sempre una gioia per gli occhi.