Esse Solar Gallarate – Riso Scotti Pavia 55-75 (12-16, 19-17, 15-22, 9-20)

Esse Solar: De Bettin 9 (3/6, 1/4), Hidalgo 13 (6/12, 0/1), Gravaghi (0/1, 0/1), Filippi 8 (3/8), Antonelli (0/1, 0/1); Calzavara 2 (1/1, 0/2), Passerini 12 (3/8, 1/6), Clerici 11 (2/6, 1/3), Ielmini (0/1 da 3p), Bresolin. All. Gambaro

Riso Scotti: Oboe 6 (0/4, 2/8), Giampieri 7 (1/4, 1/6) Bedini 10 (5/5), Coviello 12 (1/6, 1/4), De Gregori 15 (6/11); Abega 2 (1/1, 0/3), Gallizzi 14 (3/3, 2/5), Cocco 7 (3/4), Trovarelli 2 (1/1). Ne: Mazzotti, Lebediev, Potì. All. Mazzetti

Arbitri: De Rico di Venezia e Zanelli di Motta di Livenza

Primo tempo: 31-33. Tiri liberi: Esse Solar 10/15, Riso Scotti 15/21. Rimbalzi: Esse Solar 40 (off. 8, Hidalgo 9), Riso Scotti 39 (off 5, De Gregori 7). Cinque falli: Filippi. Fallo tecnico: panchina Esse Solar, Coviello. Fallo antisportivo: Passerini. Punti dalla panchina: Esse Solar 25, Riso Scotti 25.

Seconda vittoria esterna, per la prima volta due vinte in fila. Dalla palestra di Gallarate arrivano buone nuove per la Riso Scotti che si prende il referto rosa, aggrappata ad un mach di buonissima dedizione e attenzione difensiva. Con Abega azzoppato in settimana da una distorsione alla caviglia e il tridente offensivo Oboe-Giampieri-Coviello in lite coi ferri varesotti (6/30 globale, con un democratico 2/10 a testa), Mazzetti si è goduto l’impatto offensivo importante e determinante di Gallizzi, Bedini e Cocco, recuperando alla distanza De Gregori che, dopo le briciole del primo tempo, fa banchetto nel secondo (13 punti e 5 rimbalzi nei 15′ dopo l’intervallo). La coop del canestro continua a crescere e ad aggiungere volti nuovi al cast, visto che Cocco non è mai stato così impattante e Bedini, sta trovando la confidenza offensiva che serve alla squadra (9/10 dal campo nelle ultime due uscite). Il motorino Gallizzi ha recitato il solito spartito frizzante, facendo il ritmo e trovando quelle accelerazioni al ferro che hanno fatto malissimo alla difesa di Gallarate. Il 50% di vittorie nelle prime otto gare, col calendario che ci siamo ritrovati e senza mai aver potuto disporre della squadra al completo, è un buon bilancio per archiviare il primo quarto di stagione regolare.  Il lavoro resta lungo ma, con la classifica che prende colore, anche l’attesa per il recupero di Alessandro Potì diventa meno ansiogena. Soprattutto se il gruppo manterrà questa voglia di abbassare la testa e lavorare con applicazione, trovando, di partita in partita, attori protagonisti e cast di supporto sempre pronti a scambiarsi di ruolo.

CRONACA – Mazzetti non rischia Abega, scavigliato in settimana, e manda Bedini nei cinque con Giampieri in guardia. Due falli di De Gregori nel primo minuto di gioco, Riso Scotti che parte 0/3, Esse Solar con due perse. Hidalgo stappa la partita, De Gregori converte un rimbalzo offensivo (2-2, 2′). Gravaghi prende Oboe, De Bettin Giampieri. Bedini per il primo sorpasso (2-4, dopo 3’30”). Dubbio (inventato?) terzo fallo e De Gregori va in panca per Cocco. Buono l’impatto difensivo dei lupi che forzano Gallarate a tiri complicati. Cocco trova subito la conclusione da sotto (2-6, 4′) ma Giampieri parte in folle (0/4) e De Bettin trova dal palleggio le soluzioni per l’aggancio a quota 6 in un match a punteggio bassissimo. Abega per Giampieri, Gallizzi inventa una tripla senza ritmo, Cocco calamita una carambola offensiva per il suo punto numero sei che vale l’8-13 esterno (8′). 0-7 con recupero e contropiede per Bedini, chiude una smazzata di De Bettin per Filippi (10-15, 9′). Primo quarto che va in archivio con la classe operaia che fa parecchia legna per il branco pavese (7 per Cocco, 4 di Bedini).  Mazzetti riparte con tutte le seconde linee più Abega, Filippi (4 in fila) impatta con le due squadre che giocano senza lunghi di ruolo.  Tornano Oboe e Coviello, Bedini colpisce ancora in post basso (16-18). la vecchia guardia varesina dà impatto e la Esse Solar mette la testa avanti con un 2+1 di capitan Clerici (21-19). Primi due per Giampieri, Bedini continua ad essere una ottima variabile interna (6 punti) e trova il 22-23. Pavia torna sopra di un possesso al 15′ (22-25) con due liberi di Giampieri e una difesa di grande spessore. Gran tripla di Passerini per il 25-27, ma la presenza difensiva dei lupi resta di livello e arriva il minuto varesino, dopo l’attacco al ferro di Gallizzi (25-29, 17′) e la Esse Solar già a quota 10 perse. Il play ex- Dinamo imbuca pesante (27-32) a due giri di orologio dalla sosta lunga,  alla quale arriviamo con margine troppo ridotto (31-33, tripla di Clerici, due forzature di Coviello). Il film a metà gara racconta di una Scotti operaia (26 punti con 11/13 dal campo per dal trio Gallizzi, Cocco, Bedini), con i primi violini ancora offensivamente fuori partita (4 punti e 1/15 sono la modesta sommatoria di Giampieri, Oboe e Coviello). Torna De Gregori (dopo i 3’25” giocati nei primi due quarti) e subito fa valere il tonnellaggio con Antonelli seduto in panca per un probabile problema fisico. Abega trova il primo dal campo ed è progetto di break (31-37, 22′).  Coviello recupera e chiude a rimorchio lo 0-6 esterno, De Bettin pesca la tripla per il 34-39 (23′). De Gregori sfrutta finalmente il mismatch coi mezzi lunghi varesini e griffa il 5 in fila per il 36-44 (24′). Gallarate a zona 2-3, dentro Bedini per De Gregori (7 punti in sei minuti), Giamperi sballa due tiri aperti e Passerini tiene in scia i padroni di casa(42-46). Oboe dice tre per la prima volta (42-49, minuto 28′). La Esse Solar torna all’individuale e Hidalgo, in campo aperto, accorcia. Servirebbe il colpo del ko, arriva un tecnico alla panca di casa e Coviello fattura in lunetta (44-53), Bedini mette un gran jumper allo scadere dei 24” e la Riso Scotti scatta 46-55 al 30′. Coviello imbuca dalla lunga il 46-58, è il momento di azzannare la partita: Oboe fa copia e incolla in arco e il branco va in corsia di sorpasso (48-61). Gallarate torna a zona fonte pari. Quarto fallo (in attacco) per De Gregori che rimane in campo. Mazzetti chiama il summit dopo un paio di forzature, serve lucidità di gestione del margine (50-61, 33′). Torna Giampieri per Abega, il tabellone si cristallizza per qualche minuto ed entriamo negli ultimi 5′ col +11 da capitalizzare (50-61). Hidalgo prova coi suoi assolo a suonare la carica (52-61),  Passerini incappa in un antisportivo che Pavia ha l’obbligo di trasformare nel colpo del ko. Risposta migliore non potrebbe arrivare:  2/2 in lunetta per De Gregori,  tripla di Giampieri e serpentina di Gallizzi sono la spallata decisiva (52-68). Gallarate costretta al minuto e a provare una pressione abbastanza sgangherata. Oboe inventa per l’alley hoop di De Gregori (55-70 a me no di due minuti) ed è la giocata che materializza il game/set/match. Il finale serve solo ad allargare la forbice, l’ovazione e l’abbraccio dei tifosi al seguito è l’happy end ad una bella serata. 

PAOLO RAPPOCCIO

Comunicazione Omnia Basket Pavia