Unicusano Pielle Livorno – Riso Scotti Pavia 61-75 (11-24, 24-17, 17-22, 9-12)

Unicusano: Drocker 6 (0/3, 2/3), Iardella 7 (2/2, 1/7), Campori 4 (1/3, 0/4), Lemmi 5 (2/5), Lenti 21 (8/11, 1/1); Fin 5 (2/2, 0/3) , Salvadori 10 (5/5, 0/2), Tempestini 1 (0/1 da 3p). Ne: Di Sacco, Filippo. All. Da Prato

Riso Scotti: Calzavara 4 (2/3), Donadoni 24 (5/9, 4/7), Torgano 13 (3/4, 2/7), Sgobba 15 (3/5, 2/5), Lebediev; Quartieri 10 (2/3, 2/3), Rajacic 9 (3/5, 1/1), Birra (0/1, 0/1). Ne: Sorrentino. All. Ducarello

Arbitri: Picchi di Ferentino e Coraggio di Sora

Primo tempo: 35-41. Tiri liberi: Unicusano 7/13, Riso Scotti 4/6. Rimbalzi: Unicusano 27 (off. 8, Campori 10), Riso Scotti 29 (off. 7, Donadoni 6). Cinque falli: nessuno.

Una Scotti ridotta ai minimi termini dai guai fisici (fuori Corral, D’Alessandro, Sorrentino e Calzavara che si scaviglia ad inizio terzo quarto) ci mette tanto cuore, molta organizzazione, parecchia coesione e una serata di buona ispirazione perimetrale (11/24 di squadra dalla lunga) per far saltare il banco nella trasferta di Livorno. Viaggio che, visto l’affollamento in infermeria e la necessità di gestire le energie in vista dei playoff, l’ambiente pavese si sarebbe evitato volentieri e che, invece, è l’occasione per un’altra bella vittoria che incrementa autostima e consapevolezza del gruppo in prossimità della post season. Unico neo, la distorsione alla caviglia per Andrea Calzavara che verrà valutata nei prossimi giorni.

CRONACA. Quintetto per Misha Lebediev che rileva Corral e Riso Scotti subito chiusa in zona 2-3. Sgobba mette in arco il primo vantaggio (2-3), Livorno va due volte da Lenti per il 4-2. Sgobba bissa per il 4-8, altra tripla (con fallo) per Torgano e 4-11 con minuto di sospensione per Da Prato (4′ e spicci). Torgano mette l’addizionale per il 4-12 e Ducarello toglie Calzavara per Quartieri. Ancora Torgano batte il closeout di Lemmi per il 4-14. Drocker trova il tiro dal palleggio per chiudere lo 0-12 esterno. Ducarello continua lo scrupoloso monitoraggio delle rotazioni con Rajacic per Lebediev ma il coach siciliano si imbufalisce dopo una banale persa che apre la controfuga di Lemmi (9-14, 5’30”). Pavia riemerge ottimamente dal minuto, costruendo due ottimi possessi per la tripla di Donadoni e l’attacco al ferro di Sgobba (9-19). Anche i labronici mischiano le carte alzando il quintetto con Fin per Drocker ma Pavia è on fire con la seconda tripla di Torgano (9-22). Dentro Salvadori che si fa subito sentire ma la Pielle continua a non riuscire a leggere le iniziative offensive pavesi. Anche Rajacic mette l’arcobaleno per l’11-24 con cui il branco chiude un quarto di ottima qualità. Si riparte con Birra abbinato a Calzavara, colpo per Drocker che si accomoda in panca, ricompare Campori. Lenti torna a fatturare (6) e la Pielle passa a zona matchup, subito crivellata da Rajacic (13-28). Ancora Lenti dalla media prova a suonare la carica ma anche Quartieri imbuca pesante per il 17-31. Livorno si appoggia ai lunghi, attivando Salvadori (20-31). Tornano Donadoni e Torgano e il capitano imbuca in svitamento. Lenti maramaldeggia contro Lebediev (secondo fallo) per il 23-33 (14′) e la Pielle prova a far entrare in partita il pubblico del Modigliani. Col fatturato interno, i labronici tornano sotto (27-33, 15′) e Ducarello ci vuol parlare. Con Sgobba seduto, Lenti fa quel che vuole e, convertendo parecchio a rimbalzo offensivo, la Pielle si rimette in partita (29-33, 17′).Le letture offensive pavesi scendono di qualità, con qualche palla persa di troppo. Quartieri attacca il fondo e chiude il digiuno ma i lunghi toscani sfruttano il tonnellaggio e la forbice è stretta (32-35). Iardella colpisce in arco (35-37), Rajacic e Donadoni tornano a dar colore all’attacco dei lupi (35-41 alla sosta lunga). La situazione falli della Riso Scotti è già problematica col terzo di Calzavara e Lebediev, Drocker mette la tripla contro la zona pavese (39-43) e, dopo 2′, il tabellone del Modigliani Forum, dice 40-45. Calzavara trova 4 punti in traffico (42-47) in un match ora piuttosto spezzettato dai fischi arbitrali. Calzavara scivola e appoggia male la caviglia sinistra, portato a spalla in panchina. Siamo alla maledizione. Torna Quartieri che pesca un provvidenziale tap in, subito bissato dalla tripla di Sgobba e da una controfuga di Donadoni che segna e subisce fallo (46-55, 27′). Buona difesa di squadra, grande assist in contropiede di Quartieri per il 2+1 di Torgano e Omnia torna prepotentemente in sella (48-58, 29′). Donadoni continua a martellare, Iardella rintuzza ma ancora Quartieri smazza per l’appoggio con fallo di Sgobba (2+1 e 52-63 al 30′). Birra dà fiato a Donadoni, Livorno torna a recitare con poca fluidità in attacco e Rajacic dice +13 (52-65). Terzo per Quartieri, Livorno ripesca i chili di Lenti e il lungo ex-Desio va subito a bersaglio. Fin attacca il ferro e subisce ingenuo fallo di Rajacic. Dentro Donadoni, il capitano va a prendere fiato (58-65). Canestrissimo di Donnie (58-67, 35′), bisogna resistere con le unghie e con i denti. Ancora il brianzolo mette una pazzesca tripla frontale per il 59-70 con cui si entra negli ultimi 180”. Pavia gioca col cronometro, Quartieri spara un’altra tripla che spedisce la Scotti in paradiso (59-73). Due liberi di Sgobba allungano 59-75, Livorno è già con testa sotto la doccia, il Modigliani Forum ammutolito si conferma riserva di caccia per i pavesi, i labronici perdono il treno per i playoff, Pavia mette l’ennesimo punto esclamativo in questo ottimo finale di campionato.

PAOLO RAPPOCCIO