Paffoni Omegna – Riso Scotti Pavia 85-66 (29-20, 16-17, 19-16, 23-13)

Paffoni: Segala 4 (2/2, 0/1), Bushati 26 (5/10, 3/5), Santucci 13 (2/4, 3/8), Planezio 3 (0/2, 0/5), Balanzoni 14 (6/12); Fokou 8 (3/8), Birindelli 3 (1/1), Turel 14 (3/6, 2/4), Jokic, Marchioli, Vuijc. Ne: Burini All. Fioretti

Riso Scotti: Quartieri 2 (0/2, 0/4), Donadoni 8 (2/8, 1/8), Torgano 11 (1/4, 3/8), Sgobba 14 (5/9, 1/3), Lebediev (0/1); Sorrentino 20 (3/6, 4/5), Rajacic 8 (1/3, 2/3), Birra 3 (1/4 da 3p). Ne: Licari, Calzavara. All. Ducarello

Arbitri: Paglialunga e Scaramellini

Primo tempo: 45-37. Tiri liberi: Paffoni 17/23, Riso Scotti 6/8. Cinque falli: nessuno. Rimbalzi: Paffoni 55 (off. 19, Balanzoni 11), Riso Scotti 34 (off. 10, Quartieri 8). 

La voglia di cancellare la sanguinosa ferita dell’andata e di iniziare l’avventura ai playoff con l’abbrivio di una netta vittoria sono motivazioni sufficientemente forti per toccare le corde giuste in casa Paffoni. Dalle parti della Riso Scotti gli argomenti non sono altrettanto motivanti e, soprattutto, il sold out in infermeria impone (almeno a livello inconscio) di non affrontare la trasferta a Verbania come fosse il match della vita. Ne scaturisce una trama a senso unico, con Torgano e compagni costantemente a leggere la targa della Fulgor, dopo la ciclonica uscita dai blocchi di partenza di Bushati e soci che piazzano le mani sulla partita (19-0) e non le tirano indietro più. Ad Alba, Legnano va a prendersi un meritato quarto posto e, quindi, anche l’eventuale impresa sarebbe beffardamente rimasta fine a se stessa. Sarà, dunque, annuniciato quinto posto, da domani testa e gambe dei lupi saranno proiettate in direzione Mestre.  

CRONACA. Scelte obbligate per Ducarello che va con Quartieri, Donadoni, Torgano, Sgobba e Lebediev. Fioretti recupera Bushati e Balanzoni. Fulgor subito in gas con tripla e penetrazione di Bushati per il 7-0. Sul recupero di Santucci e lay up solitario (9-0) arriva il time out di Ducarello (2′), dopo lo 0/2 e e due perse collettive. Ancora Santucci per l’11-0, per i lupi arriva la terza persa e il 13-0 con schiacciata di Balanzoni (4’30”). Bushati viene sfidato al tiro ed arriva la seconda tripla dell’albanese per il 16-0 (6′). Balanzoni dice 19-0 (7′). Torgano toglie il tappo dal canestro e il neo entrato Sorrentino mette il jumper (21-4). Sull’asse Bushati-Balanzoni Omegna vola 23-8. Torgano spara la sua prima tripla (23-11) con Omegna che schiera il debuttante Fokou. Donadoni lo batte e va con il 2+1 che accorcia 23-14 (0-8 esterno). Santucci chiude il serrate pavese, ma le difese sembrano essersi prese una domenica di vacanza  e. Ducarello accoppia Quartieri a Sorrentino. 27-17 con Torgano ancora a segno in arco. Sgobba pesca il canestro e fallo di Fokou per il 29-20. Turel inaugura il secondo quarto col tracciante del 32-20. Bushati imbecca no look per Fokou (36-23). Dentro Birra e Lebediev, partita che si accende dopo un contatto tra Bushati e Donadoni, beccato fin dal salto a due dai suoi ex tifosi. Non ne guadagna lo spettacolo, il match resta confuso. Paffoni sempre in controllo, malgrado le percentuali calino vistosamente. Quartieri (38-27) ricuce con un jumper e Lebediev fa valere il fisico contro Balanzoni. Torgano mette la tripla in transizione per il 38-30 (17′) e Fioretti chiama minuto sul parziale pavese.  Bushati in lunetta dice stop (40-30), ma il pick’n’pop di Sgobba fa male. Il compito di tenere a bada le velleità pavesi se lo prende Bushati che trova contatti e ripetuti viaggi in lunetta. Sorrentino (4 in fila) mostra di essere a posto e va a scolpire il 42-37. Santucci riallunga in arco e si va alla sosta sul 45-37. Ripartenza con gli stessi cinque. Balanzoni schiaccia su assist di Bushati che poi si ripete per l’alley hoop del centro ex-Varese (49-37). Rajacic per Lebediev, Sgobba ricicla un rimbalzo per tornare sotto di dieci (49-39) e arriva un tecnico a Ducarello (23′). Turel in taglio per ridare gas alla Paffoni che poi chiude un contropiede con Segala (54-39). Rajacic punisce con tripla, Sgobba incassa un antisportivo da Turel e un’ottima circolazione materializza la tripla di Sorrentino (57-46). Genny bissa in arco a stretto giro di posta (57-49) ma Omegna è brava ad andare a cercare contatti per allungare in lunetta con Planezio. Donadoni attacca Fokou per il 59-51  con meno di 2′ per la boa di tre quarti gara ma Turel imbuca in arco per tenere la distanza. Ora la Riso Scotti prova ad attaccare il canestro con più determinazione: Rajacic va fino in fondo (62-53) ma il Cobra Bushati scrive il suo diciassettesimo punto e la Fulgor regge ottimamente a tre quarti gara (62-53). Due triple a vuoto per Donadoni e Torgano sono il biglietto da visita con cui si apre l’ultimo quarto, al terzo tentativo è Birra a gridare al gol. Dopo aver sprecato la potenziale palla del “meno sei”, Pavia è punita dal 2+1 di Turel  (67-56) e da un piazzato di Balanzoni. Omegna rimane in comfort zone, tornano Sgobba e Quartieri (69-56). Il bombardamento perimetrale pavese non è confortato da buone percentuali e Bushati griffa la tripla del 72-56.  Ultimi 5′ che si annunciano accademici (74-56) con più di occhiata al netcasting degli altri campi per indovinare accoppiamenti playoff. Bushati vola in zingarata a centro area, copia e incolla di Turel e il tabellone recita un severo 78-58. Due triple di Torgano e Rajacic ricuciono 78-64 ma la sostanza non cambia. Omegna vince sul velluto, per la Riso Scotti sarà quinta piazza nel tabellone playoff e incrocio con la Gemini Mestre.

PAOLO RAPPOCCIO