Coelsanus Varese – Winterass Pavia 65-71 dopo 1 tempo supplementare (14-20, 12-7, 17-18, 18-16, 4-10)

Coelsanus: Ferrarese 15 (1/9, 3/6),  Passerini 11 (2/4, 2/4), Mercante 9 (2/6, 1/3) Planezio 9 (1/6, 1/3) Rosignoli 10 (2/5, 1/1); Ivanaj 2 (1/5, 0/4), Assui 2 (1/3), Maruca 7 (2/4, 1/1) Ne: Trentini, Mottini, Calzavara, Caruso. All. Francesco Vescovi

Winterass: Di Bella 6 (1/3, 1/5), Mascherpa 12 (5/7, 0/4), Benedusi 13 (3/6, 1/4), Spatti 6 (3/6, 0/1), Crespi 11 (5/5); Manuelli 3 (0/2, 1/3), Torgano 17 (3/8, 3/9), Fazioli 3 (0/1, 1/1), Delvecchio. Ne: Visigalli. All. Massimiliano Baldiraghi

Arbitri: Suriano di Torino e Falcetto di Claviere (To)

Primo tempo: 26-27. Regolamentari: 61-61. Tiri liberi: Coelsanus 14/21, Winterass 10/20. Rimbalzi: Coelsanus 38 (off. 7, Planezio 9),Winterass 46 (off. 10, Crespi 12). Cinque falli: Spatti, Crespi, Planezio.

Una Winterass tutta cuore, nervi e compattezza sbanca il Campus e guadagna un fondamentale 2-0 nel confronto diretto in ottica playoff. Meno pulita tecnicamente, ma strappata con tanta rabbia, la vittoria  nella tana roburina matura in un drammatico overtime con le firme in calce di Torgano e Mascherpa e il poderoso lavoro ai fianchi dell’inossidabile Benedusi e di un Crespi in doppia doppia. La Winterass approccia in lite coi ferri (0/3 dal campo, 0/2 in lunetta) contro la 2-3 roburina e Baldiraghi si brucia il primo minuto dopo la tripla di Rosignoli (5-0 3′). Servono subito forze fresche: dentro Manuelli e Torgano. Mascherpa toglie il tappo dal canestro con una percussione che trova il terzo fallo di Passerini e il gioco da 2+1.  Crespi dà ottima solidità difensiva e schiaccia per la parità a quota 5. Manuelli, dopo rimbalzo offensivo di Spatti, graffia in arco il primo vantaggio esterno (9-10). Benedusi in taglio e a cronometro fermo allunga fino al 9-14 (8′) e costringe anche Vescovi al summit coi suoi. Il break Omnia viene  prolungato con due ottime giocate di Crespi per l’11-18. Maruca rintuzza in arco (5 dalla panca per lui), Pavia non riesce a scappare definitivamente perché sciupa (3/9) in lunetta ma un’altra bimane di Crespi (6 punti , 7 rimbalzi e 3 stoppate per lui nel primo quarto) inchioda il 14-20 al primo intermedio. E’ un’Omnia che riparte in gas, mantenendo elevatissimo il tasso di intensità difensiva e Benedusi in arco punisce il ritorno a zona dei varesini(14-25 al 12′).  Dopo un paio di giri a vuoto contro la 2-3 allungata, Baldiraghi richiama la truppa a rimanere nelle esecuzioni in attacco, la Coelsanus ricuce a cronometro fermo (16-27 al 15′). Delvecchio tocca il campo per Crespi e Ferrarese punisce in arco una persa di Mascherpa (21-27, 17′). Ancora il mancino di Ferrarese sentenzia il 10-0 interno dalla lunga (24-27) con una Winterass che fa parecchia confusione e trova solo tiri forzati allo scadere. Sull’ottavo punto consecutivo di Ferrarese, arriva la sosta lunga (26-27) a chiudere il prolungato digiuno pavese, con le cifre offensive di casa Winterass in clamoroso ribasso (37% complessivo dal campo, 2/12 in arco) . Due palle perse Pavia e Planezio dice sorpasso interno (28-27), Spatti chiude il sortilegio ma Crespi incappa nel quarto fallo e Ferrarese dice 3 (31-29). I fischietti torinesi zufolano a raffica e il gioco è molto frammentato, Torgano e Di Bella imbucano pesante (33-38, 25′)  e anche Mascherpa torna a segnare (2+1 per il 34-41). Sarebbe il momento di stringere: dentro Fazioli per Mascherpa e il play trevigiano mette una tripla di capitale importanza (38-45, minuto 28), ma Varese resta in scia monetizzando in lunetta con Planezio e pescando due invenzioni da Passerini (43-45) a tre quarti gara. Mercante impatta in avvio, Pavia continua a palleggiare troppo e ad attaccare statica. Passerini risponde a Mascherpa (47-47 al 33′) ma Crespi trova un recupero difensivo e un rimbalzo offensivo per innescare il 47-51 di Benedusi. Match al calor bianco: Planezio colpisce frontale ma Benedusi gli stampa un canestro in faccia (50-53, si entra negli ultimi cinque giri di orologio). Pavia sballa tre triple importanti, Mercante no ed è prima pareggio, poi vantaggio interno (55-53 al 37′).  Benedusi scheggia il ferro in arco e Mercante trova il 57-53.  Spatti sbaglia un mezzo rigore, Torgano imbuca il tracciante del 57-56 (1’37” al termine) ma dopo l’errore di Manuelli, Passerini uccide con lo step back in arco (60-56 a meno 41”). Spatti rintuzza rapido ma Ferrarese in lunetta fa 1/2 (61-58 meno 31”). Torgano esce con timing perfetto dai blocchi e spara il triple frontale della parità con 24” da giocare. Ferrarese sballa l’ultimo sottomano e il thrilling si prolunga per altri 5′.  Crespi, dopo il rimbalzo convertito del 63-66, incappa nel quinto fallo. Torgano in lunetta riporta Pavia avanti di un possesso (65-68) poi il ferro sputa la sua possibile tripla-match. Mascherpa riappare nel momento più indicato: suo il viaggio al ferro per il sottomano del 65-70, Varese sballa un paio di triple ma in rumba totale ha rimessa in zona d’attacco (-20”). Palla in tribuna e i tifosi pavesi, dopo essersi sgolati per tutto il match, impazziscono di gioia per una vittoria che vale oro puro.